Introduzione alla tecnologia Blockchain

Sebbene la tecnologia a catena di blocchi sia entrata in scena nel 2009, il concetto è stato elaborato per la prima volta nel 2008. La tecnologia a catena di blocchi riguardava il combinare una catena di blocchi di dati con la crittografia, ed è stata pensata e discussa per la prima volta da W. Scott Stornetta e Stuart Haber nel 1991, hanno discusso di come sfruttare la crittografia per proteggere i blocchi di dati. Nel 2009, dopo la concettualizzazione della tecnologia a catena di blocchi da parte di Satoshi Nakamoto, è iniziata l’implementazione della tecnologia a catena di blocchi, che era la tecnologia alla base del convertitore bitcoin. La tecnologia blockchain è un libro mastro pubblico dove ogni transazione che avviene sulla rete viene registrata. La tecnologia a catena di blocchi è stata fin dall’inizio un’ottima soluzione per diverse applicazioni, e ogni giorno vengono scoperti nuovi casi d’uso per questa tecnologia. Ci sono varie ragioni per cui la tecnologia blockchain è stata adottata da così tanti, e questo è dovuto alle sorprendenti caratteristiche con cui è stata creata. Di conseguenza, si può dedurre che c’è stato un sensibile miglioramento rispetto all’idea principale di garantire una migliore efficienza e oggi, bitcoin è quello che è.

Bitcoin - apofinance.io

La nascita di Bitcoin

L’inizio della tecnologia a catena di blocco è avvenuto con l’introduzione della crittovaluta più popolare e più preziosa del mondo, chiamata Bitcoin. Il Bitcoin è una moneta digitale a catena di blocco unica, e dalla sua creazione, c’è stato un aumento senza precedenti ma esponenziale del suo valore, e questo è dovuto al fatto che le aziende e le persone hanno continuato ad adottare la moneta digitale per diverse ragioni, soprattutto come modalità di pagamento quando si effettuano transazioni online. Bitcoin è stato creato con caratteristiche sorprendenti, e queste caratteristiche hanno contribuito a renderlo la crittovaluta importante del momento. Ecco alcune delle caratteristiche:

  • Decentramento: Non c’è un’autorità centrale disponibile che supervisiona o controlla le operazioni / transazioni che avvengono in rete. Quindi non ci saranno interferenze da parte di terzi.
  • Privacy: Gli utenti possono rimanere anonimi, perché le transazioni effettuate provengono da indirizzi pseudonimi, quindi è impossibile determinare la reale identità degli utenti.
  • Scalabilità: La crittovaluta Bitcoin è flessibile, e questa flessibilità è un grande vantaggio della scalabilità della moneta.
  • Fungibilità: L’intercambiabilità è una cosa di cui godono le unità bitcoin, e la protezione della moneta non viene collegata a qualsiasi storia abbiano sulla catena di blocco. 
  • Sicurezza: La sicurezza è un fattore importante da considerare quando si ha a che fare con i Bitcoin, questo è il motivo per cui viene usato una crittografia di alto livello per assicurare che sia gli utenti che i fondi siano protetti. 
  • Transazioni rapide: Disponibilità di transazioni transfrontaliere veloci e facili da gestire, con commissioni pari a zero o quasi.
  • Basse commissioni di transazione: C’è una responsabilità, quella di assicurare che ogni commissione sia molto inferiore a quella tradizionalmente applicata alle banche. Le commissioni sono di solito pari a zero

Continue reading "Introduzione alla tecnologia Blockchain" »